Si è spento ad Ostia Giuseppe Barbati, disegnatore di Nathan Never

Si è spento domenica sera nella sua casa di Ostia Giuseppe Barbati penna dietro “mostri” del fumetto come Ken Parker, Magico Vento e Nathan Never.
Nato a Napoli l’11 aprile 1966, Giuseppe Barbati, per lungo tempo vive e lavora a Bolzano. I suoi primi passi nel mondo del fumetto si devono alla collaborazione con lo studio di Dino Leonetti. Esordisce sulle pagine di “Balboa”, Edizioni Play Press, dopodiché entra a far parte, nel 1992, dello staff che realizza Ken Parker Magazine, nella versione Parker Editore. Disegna, nel 1994, sei episodi della serie western “Ray Cooper”, su testi di Piero Fissore, per il “Messaggero dei ragazzi” di Padova, poi approda alla Sergio Bonelli Editore con il n. 85 di Nick Raider, nel 1995, anno in cui inizia anche la sua attività di docente presso la Scuola Romana del Fumetto. Grazie alla confidenza acquisita con il western sulle pagine di Ken Parker, Giuseppe Barbati viene contattato da Renato Queirolo per entrare nello staff dei disegnatori di Magico Vento, collana sulla quale esordisce nel 1997 (lavorando in coppia con Bruno Ramella) e per cui lavora fino alla sua conclusione, nel 2010. Sempre con Ramella alle chine, nel 2012 fa parte dello staff di disegnatori di Shanghai Devil, mentre, tra il 2010 e il 2011, disegna anche per Nathan Never. La morte ha fermato il suo lavoro mentre era impegnato su una storia dell’Agente Speciale Alfa e sulle pagine di “Coney Island”, mini-serie scritta da Gianfranco Manfredi, in programma per il 2015, per la quale era nuovamente in coppia con Ramella.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here