Infernetto: vietato il corteo, ma via libera al sit-in

21/11/2014 – “Apprendiamo la notizia che il corteo contro il centro profughi all’Infernetto è stato vietato per motivi di ordine pubblico ed è stata concessa l’autorizzazione per un sit-in in via Orazio Vecchi”. Lo ha dichiarato Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano e tra gli organizzatori della manifestazione che si svolgerà domani all’Infernetto. “Pur ritenendo assurda – ha continuato Marsella – la decisione di impedire un’iniziativa portata avanti dai cittadini, soprattutto dopo i recenti fatti di cronaca che hanno riguardato gli immigrati trasferiti da Tor Sapienza, rinnoviamo l’appuntamento in via Orazio Vecchi alle 15.30 e ci auguriamo di essere ancora di più per dimostrare che non sono i divieti ed i bavagli a poter fermare la volontà di riscatto di un quartiere abbandonato a sé stesso verso una classe politica assente e fallimentare. Come già annunciato dal comitato organizzatore domani saremo in piazza per dare un segnale forte alle istituzioni e per gridare – ha concluso Marsella – prima gli italiani”.
“Ci aspettiamo una grande partecipazione alla manifestazione di domani e rinnoviamo l’invito ad intervenire a cittadini, comitati ed associazioni – ha aggiunto Pierfrancesco Marchesi, ex consigliere del X Municipio ed altro organizzatore – ad una giornata importante. Vogliamo porre l’attenzione sull’Infernetto, un quartiere troppo spesso abbandonato, dove mancano scuole e servizi, dove c’è il grosso problema degli allagamenti e la risposta dell’amministrazione di centrosinistra è portare i profughi. La battaglia non finirà domani, andremo avanti per fare chiarezza sull’assegnazione della struttura, sulle modalità di gestione, sulle spese pubbliche e sull’effettiva regolarità delle strutture per i malati di alzheimer presenti nello stesso comprensorio”.
“Sabato pomeriggio sarò a Roma al fianco dei cittadini dell’Infernetto, per la sacrosanta protesta contro la presenza del centro di accoglienza di via Salorno nel quale sono presenti gli immigrati trasferiti da Tor Sapienza”. Lo annuncia in una nota l’eurodeputato della Lega Nord, Mario Borghezio. “Dopo il trasferimento degli immigrati da Tor Sapienza e la maxi rissa scoppiata all’interno del centro, la pazienza dei residenti del quartiere è giustamente finita – prosegue Borghezio -. In una zona dove ai cittadini italiani mancano i servizi più essenziali, la trasformazione di un centro per malati di alzheimer in un centro rifugiati, non fa che aumentare la sensazione di totale abbandono da parte delle istituzioni. Per questo – conclude Borghezio – sabato pomeriggio sarò in via Orazio Vecchi; per dimostrare ai cittadini italiani che c’è chi è ancora pronto a battersi al loro fianco. A differenza del sindaco Marino, che dopo aver criminalizzato i cittadini di Tor Sapienza e dopo gli scandali che lo hanno coinvolto, farebbe bene a togliere il disturbo”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here