Picchiata dal compagno, in prognosi riservata al Grassi

26/10/2014 – Una giovane donna è in prognosi riservata all’ospedale G.B. Grassi, a Roma, dopo essere stata picchiata ieri dal compagno di 29 anni, che è stato arrestato dalla polizia. La prima lite era scoppiata nella cucina della loro abitazione di Ostia la notte tra venerdì e sabato per motivi banali e – secondo quanto ricostruito dagli agenti del Commissariato Lido agli ordini del dottor Antonio Franco – la ragazza aveva lasciato la casa per evitare guai peggiori. Un’ora dopo, quando è tornata credendo che il compagno nel frattempo si fosse tranquillizzato e fosse tornato a più miti consigli ha chiesto la restituzione di telefonino e chiavi dell’appartamento che l’uomo le aveva tolto alcuni giorni prima, ma il compagno l’ha aggredita facendole sbattere la testa contro lo stipite di una porta nella quale aveva anche il braccio incastrato.
La vittima dopo essersi ripresa si è liberata e poco dopo le 18 ha chiamato il 118. Non appena giunti i sanitari del Grassi hanno appurato che la giovane era in gravi condizioni e l’hanno così trasportata all’ospedale di Ostia dove è stata sentita dagli agenti del commissariato di zona, avvertiti dai medici. Ha raccontato di aver subito ripetutamente minacce e percosse dal fidanzato anche davanti alle due figlie piccole della coppia. Violenze mai denunciate per paura di ritorsioni che le avevano causato anche alcune fratture alla mano. Il 29enne è stato rintracciato e arrestato.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here