2 – Zingaretti e Marino disertano il consiglio sulla sicurezza idrogeologica

28/10/2014 – I commenti precedenti

FORZA ITALIA – “Zingaretti e Marino: meglio cercarli a “Chi l ha visto”? Più che disertori del consiglio straordinario sulla sicurezza idrogeologica, al X Municipio, direi che hanno altri problemi interni al partito, per cui era già previsto che non partecipasse nessuno di chi può decidere, lasciando solo Tassone presidente del Municipio a fare annunci. In questo momento delicato per il Partito Democratico, c’è altro a cui pensare, che partecipare al consiglio del X Municipio, sempre più abbandonato a se stesso dal Comune e dalla Regione. Un consiglio Municipale inutile, che si poteva evitare, trasformandolo in una conferenza stampa informativa. Oggi esce dal consiglio di via Claudio nessuna soluzione, se non l’annuncio dello stanziamento di 2 milioni di euro, sperando che questa volta sia vero, visto quanto è successo con le promesse della Regione Lazio che aveva già stanziato 6 milioni di euro per la stessa tematica, mai giunti a destinazione. La verità che il ruolo del X Municipio, su questo tema di primaria importanza è nullo, mentre in generale la mancanza di peso politico di Tassone e della sua giunta verso Roma e pressoché zero, a dimostrazione che questa amministrazione e il territorio del  X Municipio vengono considerati da Roma e dalla Regione, come terra di conquista e bacino di utenza ai soli fini elettorali per il Partito Democratico”. Questo è quanto ha dichiarato Piero Cucunato Vice Cordinatore di Forza Italia a Roma.

NUOVO CENTRO DESTRA – “Oggi è andato in scena il consiglio straordinario sul dissesto idrogeologico del Municipio X, assenti illustri il sindaco di Roma Capitale Ignazio Marino e il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Nonostante i più di 10 giorni di occupazione da parte dei cittadini nel parlamentino di Ostia, all’appello mancava anche l’assessore alle Infrastrutture, Politiche abitative, Ambiente, Fabio Refrigeri che il 4 luglio scorso aveva proclamato lo stanziamento di 22 milioni di euro sul territorio regionale per il dissesto idrogeologico. La loro assenza, in questa giornata importante, è una mancanza di rispetto per tutti i cittadini del X Municipio che hanno paura di rivivere le tragedie già subite nel recente passato. I 2 milioni messi adesso a disposizione della Regione Lazio servono, ma non bastano. All’assessore Refrigeri chiedo maggiori lumi sul taglio dovuto alla spending review, del giugno scorso, relativa al servizio geologico e sismico regionale. Tutta l’attività di prevenzione che comprendeva ad esempio sopralluoghi a seguito di segnalazioni o mappature delle zone a rischio idrogeologico, infatti non esiste più. Una scelta scellerata se pensiamo che il dissesto idrogeologico nel Lazio colpisce 372 comuni su 378. Bisognerebbe tagliare i vitalizi e non i servizi vitali”, lo dichiara in una nota Antonella Moroso consigliere del Nuovo Centro Destra nel X Municipio.

PARTITO DEMOCRATICO – “La Regione Lazio ha mantenuto il suo impegno e come ho annunciato nei giorni scorsi, ha stanziato 2 milioni di euro per intervenire sul dissesto idrogeologico, che reintegrano i fondi radiati dalla Giunta Polverini. Ora in assestamento di bilancio e utilizzando i fondi messi a disposizione dell’unità di missione della Presidenza del Consiglio, proveremo ad aumentare la somma per avviare gli interventi tesi a contrastare il grave rischio di dissesto idrogeologico che grava sul X Municipio”. Lo dichiara in una nota Francesco D’Ausilio, consigliere capitolino del PD.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here