Lis, “dal Municipio un segno di concretezza sul servizio a chiamata”

30/9/2014 – Bene la Legge regionale per il riconoscimento della Lis – Lingua italiana dei segni ma il Municipio X dia un segno di concretezza portando in aula la mia Proposta di Risoluzione per il servizio ‘a chiamata’ di assistenza dei sordomuti negli uffici municipali. A questo riguardo lo scorso mese di maggio ho infatti protocollato una Proposta di Risoluzione che prevede l’istituzione di un servizio ‘a chiamata’ per l’assistenza delle persone non udenti negli uffici pubblici del nostro territorio.
Ma da allora, tuttavia, dopo la mia richiesta di un passaggio in Commissione Servizi sociali, tutto è ancora fermo e il documento stenta ad approdare in Consiglio per l’approvazione. A questo punto chiedo che, al netto di questa importantissima Legge regionale, il Municipio X compia un atto concreto per il dovuto riconoscimento dei diritti alle persone sordomute del nostro territorio, e non solo, votando la mia Risoluzione”.
Lo dichiara Giulio Notturni, capogruppo della Lista Marchini del Municipio X di Roma Capitale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here