Arriva il Pru, 18,5mln di euro per Acilia-Dragona

23/9/2014 – Presentato nell’aula consiliare del Municipio X il PRU (Programma di Recupero urbano) di Acilia-Dragona: 18 milioni 500mila euro per cinque opere infrastrutturali. Sono intervenuti il presidente del Municipio, Andrea Tassone, e l’assessore capitolino Paolo Masini (Sviluppo Periferie e Manutenzione Urbana). La maggiore parte dei cantieri aprirà nel primo semestre del 2015. Ecco le novità previste.

Sovrappasso ciclopedonale per raggiungere la nuova stazione di Acilia sud: attraverserà viale dei Romagnoli, via del Mare e via Ostiense in corrispondenza della nuova stazione. Avrà campata unica con trave portante e rampe di raccordo Ai lati le mensole con i percorsi – protetti da paratie – per pedoni e ciclisti. Costo, due milioni 60mila euro. Apertura del cantiere entro giugno 2015. Sempre a servizio della stazione i due parcheggi di scambio: uno verso Acilia con 253 posti auto e 50 posti per le moto, l’altro con 81 posti auto sul lato verso Dragona.

Sottopasso via Ostiense-via del Mare-viale dei Romagnoli: collegherà i settori nord e sud di Acilia, creando continuità tra via di Dragoncello e via di Macchia Saponara con benefici al traffico. Campata unica, due corsie per senso di marcia, lunghezza sotto terra 600 metri. Costo 9 milioni, cantieri in apertura entro luglio 2015. Connessa alla realizzazione del sottopasso, la manutenzione straordinaria di via di Macchia Saponara per cui è stato stanziato oltre un milione di euro.

Già in corso, invece, i lavori al nuovo asilo nido di via Amato. Tre milioni l’impegno finanziario, i lavori termineranno a inizio 2016.

“Il piano di recupero di Acilia-Dragona – ha ricordato l’assessore Masini – era fermo da dieci anni e il Campidoglio, di concerto con la Regione, ha recuperato “i fondi che rischiavano di andar persi”. Quello di Acilia-Dragona è uno degli 11 piani di recupero urbano per Roma, distribuiti tra i territori di nove Municipi per un totale di 110 milioni di euro. I piani – per Masini “una boccata d’ossigeno per le imprese e soprattutto una risposta seria e concreta ai bisogni dei cittadini” – sono stati rimodulati con i Municipi cui è stato chiesto quali opere, tra quelle previste dieci anni fa, fossero ancora attuali. Ora, sottolinea Masini, si ha “certezza sia delle opere da realizzare che dei tempi per farle”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here